Pubblicazioni2020-06-19T09:58:22+02:00

PUBBLICAZIONI EDITORIALI

Scarica gratuitamente il Manuale dello Studio Professionale

scarica

ULTIMI ARTICOLI

in collaborazione con

2011, 2020

Il collo di bottiglia del professionista: la gestione delle telefonate

Quante ore trascorre un professionista al telefono? Così tante che a fine anno ammontano ad intere settimane di lavoro. Tutte queste ore, come emerge dall'analisi del timesheet, nella maggior parte dei casi non vengono attribuite direttamente ai clienti che ne stanno usufruendo, ma assegnate allo Studio stesso, facendo emergere problemi gestionali. Per questo è importante segnare le telefonate sui singoli cliente e sapere come gestirle durante la giornata. Ve lo spiega il Dott. Stefano Dallanoce per questo numero della rivista specialistica R-Evoluzione di Ratio.

311, 2020

Quando è ora di brindare durante una fusione?

Tanti titolari stanno pensando di fondersi con altre strutture per rispondere ai cambiamenti di mercato. Ma per arrivare all'obiettivo finale con successo è necessario superare una serie di sfide. Programmare la convergenza delle modalità operative e gestionali verso una unica e condivisa, avere un piano d’azione, nominare uno o più project manager per tenere le fila del processo di avvicinamento gestionale, condividere il progetto di fusione con il personale e coinvolgerlo in tutti gli aspetti chiave.

311, 2020

Potenziale del cliente e cliente potenziale

La ricerca attiva di opportunità di lavoro per lo studio professionale è un’arena complessa, nella quale soltanto pochi si muovono con efficacia. Le opportunità non mancano e con l'aiuto di una strategia, sarà più semplice trovare il tempo da dedicarci. Il primo vero salto è culturale e riguarda l’interpretazione che il professionista ha maturato del proprio ruolo e della propria attività. Una volta compresi alcuni fondamentali della gestione volti a riportare efficienza e organizzazione nella struttura, non rimane che indagare le esigenze dei vostri clienti per realizzare il loro effettivo potenziale. Quindi, è studiando e sviluppando il potenziale dei vostri clienti che potrete capire come avvicinare i clienti potenziali.

3009, 2020

Fattori critici di successo nella Pianificazione e Controllo per lo Studio Professionale

Negli ultimi anni sempre più studi si sono trovati di fronte alla necessità di meglio comprendere i meccanismi economici del proprio studio, complice l’inasprimento delle condizioni di mercato e la sempre maggiore complessità del lavoro. Un approccio superficiale potrebbe condurre al pensiero che sia sufficiente rilevare le attività per capire come stanno andando le cose, purtroppo però le complessità sono molte: resistenze del personale, impostazione del sistema di rilevazione, analisi dei dati raccolti, procedure di imputazione e controllo solo per citarne alcune. Spesso, tra tentativi ed aggiustamenti, passano anni prima di raggiungere risultati concreti, con il rischio di scoraggiarsi a metà del guado.

3009, 2020

Distinzione tra prodotto e servizio

La qualità del prodotto offerto dallo Studio Professionale è un aspetto difficilmente comprensibile dal cliente a causa di due fattore: l'asimmetria informativa e l'inconsistenza temporale. Questo porta i clienti e potenziali tali ad utilizzare esclusivamente il prezzo come criterio di scelta. Esiste però una soluzione e consiste nel concentrarsi sulla qualità del servizio, ovverosia le modalità di presentazione, condivisione e confezionamento del prodotto. La qualità del servizio può infatti essere una scorciatoia per segnalare e rendere percepibile la qualità del prodotto.

2109, 2020

Il capitale d’impresa passa dal capitale umano

Il capitale d'impresa passa dal capitale umano, quindi e fondamentale scegliere correttamente i propri collaboratori di Studio e avviare un processo di potenziamento della Struttura. È quindi importante, come illustrato dal Dott. Losi, prediligere le soft skills rispetto alle hard skills, in modo da circondarsi di persone con il giusto atteggiamento e stile di lavoro. Inoltre, occorre sviluppare costantemente le competenze del team avviando un ciclo di comunicazione e feedback.

Carica altri articoli
Torna in cima